Gli Alveari perduti, perchè muoiono le Api?

api-morte-alister

Cosa uccide le api? (articolo tradotto dall’inglese)

Dal 2006, gli apicoltori degli USA hanno perso 10 milioni di alveari, un valore stimato di 2 miliardi dollari. La perdita monetaria è sconcertante, ma le perdite per l’approvvigionamento di cibo,  potrebbe presto essere disastroso se le api continuassero a scomparire.

Non esiste un prezzo che può essere calcolato sul lavoro delle api che impollinano un terzo del cibo che mangiamo. Quasi ogni frutta e verdura che si possa immaginare dipende dai servizi impollinatori delle api. Frutteti di mele, per esempio, richiedono una colonia di api per ettaro, al fine di essere adeguatamente impollinati. Coltivatori di mandorle devono avere due alveari per acro.

Finora ci sono stati abbastanza api per tenere il passo con la produzione… ma appena appena. Quelli nel settore descrivono una situazione sempre più disastrosa in cui trovare abbastanza api per impollinare. Pesticidi neonicotinoidi sistemici sono stati sempre accusati della morte delle api (e sono stati implicati nella moria di 25.000 milioni di morti di api in Canada ), spingendo l’Unione europea (UE) ha vietarli per due anni, a partire dal 1 Dicembre 2013, per studiare il loro coinvolgimento con le grandi uccisioni di api. I neonicotinoidi sono ora utilizzati sulla maggior parte delle colture americane, in particolare mais. Questa nuova classe di sostanze chimiche viene applicata prima di piantare i semi, permettendo al pesticida di prendere attraverso il sistema vascolare della pianta come si sviluppa. Come risultato, la sostanza chimica è presente nel polline e nettare della pianta. Questi insetticidi sono altamente tossici per le api perché sono sistemici, solubile in acqua, e pervasivi. Vanno nel suolo e nelle acque sotterranee dove possono accumularsi e rimanere per molti anni con tossicità a lungo termine per l’alveare. I neonicotinoidi colpiscono il sistema nervoso centrale degli insetti in modi che sono cumulativi e irreversibili. Anche piccole quantità possono avere effetti profondi nel tempo. Uno degli effetti osservati di questi insetticidi è indebolimento del sistema immunitario delle api.

Sono le bottinatrici portare pesticidi carichi di polline torna all’alveare, dove è consumata da tutte le api. Sei mesi più tardi, il loro sistema immunitario non non funziona più, e cadono preda di infezioni secondarie, apparentemente  “naturali”, come parassiti, acari, virus, funghi e batteri.

Nel 2013, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha pubblicato un rapporto che ha stabilito gli insetticidi neonicotinoidi sono essenzialmente “inaccettabili” per molte colture:

  • una verifica indipendente da parte di 29 scienziati con l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (che ha esaminato 800 studi) mette un altro chiodo nella bara dei neonicotinoidi. Lo studio ha trovato che i neonicotinoidi sono infatti gravemente lesivi per le  api e altri impollinatori (come le farfalle). E non è tutto. La ricerca ha anche mostrato gravi danni agli uccelli, lombrichi, lumache e altri invertebrati

Altre teorie principali per morie di api: Campi elettromagnetici (CEM)

I ricercatori hanno scoperto che quando un telefono cellulare è posizionato vicino a un alveare, la radiazione generata da esso (900-1,800 MHz) è sufficiente per evitare le api di tornare a casa, secondo uno studio condotto presso l’Università Landau diversi anni fa.

Più recentemente, uno studio pubblicato nel 2011 ha rilevato che la presenza di microonde da telefoni cellulari hanno un effetto drammatico sulle api, causando loro di diventare molto disturbato.

La mancanza di aree di foraggiamento naturali – Messa conversioni di praterie a mais e soia nel Midwest (monocoltura) ha drasticamente ridotto le aree di foraggiamento della fioritura naturale delle api. Geneticamente modificati (GM) – Nel 2007, uno studio tedesco ha dimostrato che il trasferimento genico orizzontale sembra avvenire tra le colture GM e le api che si nutrono di esso. Quando le api sono state liberate in un campo di colza geneticamente modificata, e poi nutrivano con il polline le api più giovani, gli scienziati hanno scoperto che i batteri nelle viscere dei giovani specchiano le stesse caratteristiche genetiche, come quelle che si trovano nella coltura GM.

Link alle fonti:


Agricoltura biologica

L’agricoltura biologica e biodinamica godono di crescente favore dei consumatori, con la motivazione principale di salvaguardare la propria salute, sia per un maggiore valore nutrizionale sia per evitare un inquinamento chimico. Quello che sfugge a molti, è che l’agricoltura biologica ed ancora di più la biodinamica, preservano ed incrementano lo strato di humus del terreno, mentre le coltivazioni intensive, con diserbanti, anticrittogamici e fertilizzanti lo sta uccidendo in quasi tutta l’Italia, ma anche le api…

Ci vorranno generazioni per ricostruirlo, quindi in realtà stiamo uccidendo la terra e questo sta avvenendo in tutto il mondo. Alla fine, cosa mangeremo? Cosa resterà di una terra italiana tra le più belle e varie del mondo? Non per niente il milione di ettari a coltivazione biologica ci pone  all’ottavo posto nel mondo. In Europa poi siamo al  primo per ettari coltivati e per numero di aziende agricole, ma siamo anche il primo  produttore al mondo di ortaggi biologici, cereali, agrumi, uva , olive ed al secondo posto per il riso. l’Italia è anche il maggior esportatore mondiale di prodotti biologici per un valore di circa 1 miliardo di euro. Ciò nonostante i consumi di prodotti bio in Italia sono attorno al 3% della spesa alimentare complessiva delle famiglie italiane, contro il 20% di Svizzera, Austria, Germania e Paesi scandinavi. Ippocrate di Kos, famoso medico di 2400 anni fa diceva: ”Che il cibo sia la tua medicina”, ma oggi bisogna aggiungere che in mancanza di indipendenza e lungimiranza dei governanti, solo i consumatori possono “commercialmente” salvare la terra ed il futuro di “tutti”, preferendo il cibo biologico che tra l’altro non è più caro, perlomeno su voci di base con la pasta, che costa 1,10-1,20 euro. Anche se pomodoro ed insalata costano un po’ di più, quanto ne consumiamo al giorno? Se facciamo i conti sono cifre modestissime. Quanto costa curarsi soprattutto delle malattie degenerative, che spesso non sono neanche veramente guaribili?  Quindi la maggiore spesa nel biologico si risparmia poi in medicine,  in salute e soprattutto nella sopravvivenza della Terra-uomo, da cui è difficile tornare indietro: certo che mancherà il cibo, ma più per questi motivi che per sovra popolazione.

Trieste, 2 giugno 2013

Lascia un commento